Siamo CELLULE e ci piace… la pace!

Categoria:
Spedizione gratuita in 24h con pacco tracciabile per gli ordini registrati entro le 14:00
Segnalibro in regalo!

14.15

Siamo cellule e ci piace… la pace!

Autore: Leonardo Maria Frattini
Illustratrice: Maria Chiara Banchini

Data di pubblicazione: 16 febbraio 2024
Copertina: cartonata
N. pagine: 32, illustrate a colori
Formato: cm 21×29,7
Età di lettura: 4+

ISBN 9791281160088
Copyright © 2024 – Storiedichi Edizioni
Prima edizione febbraio 2024

Il libro è realizzato in carta certificata FSC®, a sostegno della gestione responsabile delle foreste.

Banner con i loghi dei principali gateway pagamenti

L’albo illustrato Siamo cellule e ci piace… la pace! è stato realizzato per far conoscere e cantare “Cellule”, la canzone per la pace scritta dal cantautore veronese Leonardo Maria Frattini per il “Corodoro”, coro di 60 bambini della bassa veronese che fa parte della Galassia dell’Antoniano.

Grazie a questo progetto, Cellule diventa un libro da sfogliare e cantare con il sottofondo della canzone originale, disponibile tramite QR code all’inizio del libro. La canzone è stata scritta dall’autore nel 2022, all’inizio del più recente e sanguinoso conflitto tra Russia e Ucraina.

Le illustrazioni di Maria Chiara Banchini invitano a riflettere sul fatto che siamo tutti fatti di cellule e che solo grazie alla loro continua e armoniosa unione possiamo esistere. Anche se il male continua a minacciare la vita di tante persone e di tanti bambini, la loro forza è più grande e continuerà a portare, ovunque, la vita.

Il Corodoro, formato da 60 bambini della bassa veronese, è nato nel 2021 da un’idea dell’associazione Nel Segno di Anna, che ha sede a Legnago (Verona) e si impegna a tutelare il diritto dei bambini di esprimere le proprie emozioni. Il coro, sostenuto dai Comuni di Cerea e Legnago, in poco tempo ha raccolto un ricco repertorio di brani originali che entrano nelle scuole, nei luoghi di cura, e vengono cantati sui palchi di eventi e festival.

Nell’estate del 2023, il Corodoro ha inciso con i Nomadi il brano “Un’altra rosa”, incluso nel disco “Cartoline da qui”, ed è salito sul palco di Novellara (Reggio Emilia) per cantare assieme alla storica band in occasione della celebrazione per il sessantesimo anniversario di carriera.

Siamo cellule, seguiam nei prati le libellule.
Sogniamo un cielo senza nuvole, il sole lo mettiamo noi.
Che, ti ripeto, siamo cellule! Non raccontiamo mica frottole, insieme abbiamo questa indole di star serene tra di noi…
AUTORE

Leonardo Maria Frattini

Vive e lavora a Legnago (Verona), dove è conosciuto e definito da molti un “creativo di periferia”. Cantautore, paroliere e musicista, ha militato per molti anni nella band veronese “I nuovi Cedrini”, vincitrice nel 2002 della manifestazione musicale “Festival di Sanscemo”.

Nell’edizione del 2015, la sua canzone “Il gonghista” è stata cantata da Mario Donato Vinci allo Zecchino D’oro e un’altra canzone, “Mara”, ha colpito al cuore la sua musa e destinataria: Mara Maionchi, che nel 2022 ha contribuito ai quattro fatidici “sì” durante il programma “Italia’s Got Talent”. Dal 2021 dirige il coro di voci bianche “Corodoro”, che fra i suoi più recenti successi vanta la di aver inciso il brano “Un’altra rosa” con la band storica “I nomadi” (inclusa nell’album di inediti “Cartoline da qui”).

ILLUSTRATRICE

Maria Chiara Banchini

Vive a Milano e lavora nello Studio Armadillo, da lei fondato assieme a un gruppo di affermati illustratori. Si è occupata di illustrazione per l’infanzia per “Fabbri Editore”, “Generali Assicurazioni”, “Coop”, “Levi’s”, “A2A”, “Fila”, “Pearson”, “Librì Progetti Educativi”, e di illustrazione editoriale per le testate “la Repubblica” , “The New York Times”, “O-The Oprah Magazine”, “Esquire”, “Barbusiness”, “Food Magazine”. Ha lavorato a progetti di illustrazione animata per importanti aziende multinazionali e ha realizzato installazioni museali, fra cui quella per HZERO Museum, il nuovo museo del trenino di Firenze. Per Storiedichi Edizioni, ha illustrato il libro Le stagioni dell’animaso di Gianna Tavernaro.